Ci sta a cuore

Le varie attività si concentreranno sui temi dell’inclusione sociale, della cultura del rispetto delle differenze, siano esse di religione, di etnia, di nazionalità, di orientamento sessuale, di genere, di diversabilità, di condizione e status sociale. Con questo documento chiediamo inoltre: che l’Assessorato si faccia garante di interventi e strumenti di garanzia a tutela e miglioramento dell’esistente in materia di pari diritti e di politiche a difesa delle minoranze sociali; che sia prevista l’istituzione del Comitato Interassociativo “Perugia città aperta”, di cui l’Assessorato si fa promotore, coordinatore e garante. Il comitato, attraverso le varie entità che lo compongono, coinvolge la cittadinanza tutta ed educa, attraverso politiche di inclusione sociale ed iniziative condivise, alla solidarietà, al rispetto dell’altro e alla serena convivenza di tutti gli individui; che siano programmate e realizzate delibere comunali volti alla difesa delle minoranze e dei soggetti svantaggiati, all’attuazione di interventi seri e coordinati contro qualsiasi tipo di violenza (bullismo, molestie, stalking, mobbing, omofobia, transfobia etc); l’istituzione di centri d’ascolto pubblici e convenzionati rivolti alla prevenzione del disagio psicologico degli individui vittime di qualsiasi forma di violenza (come da paragrafo precedente).